La rivistaDirezioneStoriaCodice eticoIndicazioni tipografiche per gli autoriNumeriAbbonamentiContatti
Home
Periodica de re canonica
Periodica de re canonica
Gli articoli pubblicati nella rivista Periodica de re canonica fino al 2023 saranno gradualmente resi disponibili in formato PDF su questo sito (nella modalità "open access"). Attualmente sono accessibili i PDF del 69 % degli articoli pubblicati tra il 1989 e il 2018.

I fascicoli della rivista che sono pubblicati a partire dal 2024 possono essere acquistati presso Àncora Editrice (in formato cartaceo o digitale).

Volume: 2022 - Fascicolo: 3

Gianfranco Ghirlanda, La cost. ap. Praedicate evangelium sulla Curia Romana, 355-420
Sommario:

L’articolo è una presentazione generale della cost. ap. Praedicate evangelium. Dopo un’introduzione sull’evoluzione storica della Curia Romana, l’autore si sofferma sull’ispirazione di fondo dell’attuale riforma, che è da leggere all’interno dell’intento di riforma della Chiesa come tale da parte di Papa Francesco. Primo e fondamentale aspetto è quello della missionarietà della Curia, come riflesso della missionarietà di tutta la Chiesa, che è chiamata ad impegnarsi a fondo nell’evangelizzazione di fronte, da una parte, alla secolarizzazione dei popoli in cui da secoli la Chiesa è presente e che hanno perso il senso di Dio, e, dall’altra, di fronte alla sempre presente necessità di annunciare Cristo a popoli che non lo hanno mai conosciuto. Altro filone ispirativo è quello della comunione, sinodalità e sana decentralizzazione, cui si collega il principio di partecipazione. Elemento che viene messo in luce e che rivela la natura della Curia Romana, è quello del suo carattere ministeriale e vicario per cui coloro che sono preposti ai Dicasteri, a qualsiasi categoria di fedeli appartengano, anche a quella dei laici, agiscono sempre per autorità vicaria del Papa e non per potestà propria. Da questo emerge l’indole pastorale e strumentale della Curia. La seconda parte dell’articolo è dedicata alla struttura della Curia, alle competenze delle Istituzioni curiali e alla loro composizione e funzionamento. Infine vengono presi in considerazione alcune Istituzioni curiali, mettendo in luce le specificità e innovazioni a loro riguardo.

Paolo Bianchi, Il processo documentale e il tribunale interdiocesano, 421-443
Sommario:

Alla luce della (esplicitata dal rinnovato can. 1688) competenza del vescovo diocesano a decidere un processo documentale di nullità matrimoniale, si affrontano alcuni problemi: 1) quale sia in sé il vescovo competente a deciderlo; 2) quale sia nella ipotesi che tale tipo di processo sia introdotto presso un tribunale interdiocesano; 3) quale sia la procedura più corretta per sottoporre al vescovo competente la causa da decidere. Si discutono infine i pro et contra della possibilità di considerare il processo documentale come una modalità applicativa del processo brevior.

Éric Besson, Le rapport nécessaire entre foi et sacrement: le cas du baptême, 445-468
Sommario:

La publication en 2020 du rapport de la Commission Théologique Internationale invite à reprendre et à approfondir la réflexion théologico-canonique sur le lien entre foi et célébration des sacrements, dans le contexte de sécularisation actuel. La question se pose notamment en ce qui concerne la foi des parents qui demandent le baptême pour leur enfant. Après avoir analyé les principaux éléments de difficulté, l’article avance quelques proposton pour répondre aux défis pastoraux.

Eva Vybíralová, “Mexican Faculties” provided by Pope Pius XII and the Hidden Church in Czechoslovakia during the Communist Period (1948-1989), 469-490
Sommario:

L’anno scorso, il periodo del pontificato di Pio XII (1939-1958) è stato messo a disposizione dei ricercatori negli archivi vaticani. Tra le altre cose, si è potuto verificare il testo delle cosiddette facoltà messicane, cioè le misure straordinarie per la situazione di persecuzione della Chiesa fornite da questo Papa alle Chiese particolari al momento dell’instaurazione dei regimi comunisti. Queste facoltà speciali seguivano quelle del periodo della seconda guerra mondiale, ma erano di grande importanza soprattutto per la Chiesa clandestina in Cecoslovacchia durante il regime comunista. L’ultimo studio degli archivi vaticani ha confermato anche le istruzioni per il viceprovinciale dei gesuiti slovacchi riguardo alle ordinazioni episcopali segrete.

Romanae Rotae Tribunal, Decretum coram R.P.D. Gregorio Erlebach, diei 3 decembris 2021, in una Nullitatis matrimonii; Praeiud.: Restitutionis in integrum (B. 142/2021), 491-501
Tribunal Metropolitanum Bracarense, Sententia coram Federica Dotti, 4 maii 2020, in una nullitatis matrimonii. Excerptum, 503-526
Ricerca negli articoli